Chi siamo

Il nome del coro “RUAH” significa “VENTO CHE SOFFIA” ossia il “soffio divino dello Spirito Santo

Cosa significa

Il nome del coro “RUAH” significa “VENTO CHE SOFFIA” ossia il “soffio divino dello Spirito Santo” che ci consente di essere parte della liturgia con il nostro canto, che non è un semplice cantare in chiesa ma è un pregare cantando: quindi è la “Ruah” che ci ispira e ci consente di rimandare il canto al Padre come una specie di eco.

Nascita della corale

Il coro nasce nel 2011, al rientro da un Pellegrinaggio a Medjugorje con Don Alberto Abreu come guida spirituale, per rendere l’assemblea della chiesa di San Nicola al Borghetto dei Pescatori più partecipe e comunitaria nella preghiera. “Nel canto si forma la comunità, favorendo la fusione delle voci e dei cuori, eliminando le differenze di età, origine e condizione sociale” così diceva Paolo VI.

Coro parrocchiale

Il nostro non è un coro polifonico ma un semplice coro parrocchiale, ma proprio per questo ci sentiamo parte essenziale della celebrazione, specialmente quando cantiamo nella liturgia. La Corale Ruah ha centrato il proprio obiettivo di coinvolgimento dell’assemblea che ora canta e partecipa più di prima. Se si vuole che l’assemblea liturgica sia veramente iniziata, guidata, educata nel canto, il coro è indispensabile.

Coristi

VII Domenica del tempo ordinario

Scaletta dei canti della liturgia della Santa Messa del 23 febbraio 2020
- Ciclo liturgico Anno “A”

Cantiamo te

Pag. 10- N. 45

Il Signore è buono e grante nell'amore

Luigi Mariano

Ed oggi ancora

Benedici il Signore

Pag. 8- N. 38

Francesco Buttazzo

giombini

FRANCESCO BUTTAZZO

bEATI VOI

aVE mARIA vERBUM pANIS

Pag. 6 - N. 28

Se vuoi puoi scriverci

Se vuoi maggiori informazioni, compila questo modulo. Ti ricontatteremo quanto prima possibile.